Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Aziende » Blog article: Claudio Descalzi: l’AD di Eni, a Il Cairo per Egyps 2017, fa il punto sul giacimento di Zohr

Claudio Descalzi: l’AD di Eni, a Il Cairo per Egyps 2017, fa il punto sul giacimento di Zohr

18 Marzo 2017 da pressreleasecd

L’AD di Eni Claudio Descalzi parla del giacimento di Zohr e delle prospettive di sviluppo dell’industria energetica in Egitto e negli altri Paesi dell’area nordafricana in un’intervista a “Agenzia Nova”, rilasciata a margine dell’Egypt Petroleum Show 2017 a cui ha partecipato.

Claudio Descalzi, AD di Eni

Claudio Descalzi all’Egypt Petroleum Show 2017: l’intervista di “Agenzia Nova” all’AD di Eni

L’AD di Eni Claudio Descalzi ha partecipato all’Egypt Petroleum Show 2017 (Egyps), manifestazione che coinvolge i rappresentanti governativi egiziani e nordafricani, compagnie petrolifere, fornitori di servizi internazionali, analisti e consulenti con lo scopo di creare un confronto utile a favorire ulteriormente le possibilità di sviluppo in ambito energetico dell’Egitto e di altri Paesi dell’area nordafricana. Nell’intervista a margine dell’evento rilasciata ad “Agenzia Nova”, il manager ha parlato di prospettive “molto positive” per l’industria del gas egiziano, focalizzandosi sul giacimento di Zohr che “sta dando un grande impulso al settore anche nell’ambito delle nuove esplorazioni”. Sui risultati Claudio Descalzi ha annunciato la scoperta di nuovi piani e prospettive geologiche che contribuiranno all’esplorazione di nuovi blocchi. E questo oltre a essere positivo per nuovi investimenti, lo è anche “per l’industria a valle che potrà avere vantaggi da tutto questo gas e cambiare le prospettive future dell’Egitto. Zohr non è solo, abbiamo fatto altre scoperte attualmente in produzione. Stiamo perforando altri pozzi. Penso che ci siano forti dinamiche, una intensa accelerazione nell’industria egiziana”. L’AD, definendo Zohr “una grande opportunità”, ha infine sottolineato che la prima produzione di gas è stata ottenuta in meno di due anni: “Negli altri Paesi lo sviluppo è più lungo, questo significa che l’Egitto sta vincendo la competizione ed è più attraente ed è per questo che noi abbiamo fatto più investimenti nel Paese”.

Eni: i riconoscimenti all’AD Claudio Descalzi nel corso della sua carriera

Amministratore Delegato di Eni da maggio 2014, Claudio Descalzi lavora per il gruppo petrolifero fin dal 1981. Inizialmente Ingegnere di giacimento, diventa poi Project Manager e guida le consociate Eni in Congo e Nigeria. Tornato in Italia, continua a ricoprire incarichi in ambito dirigenziale: Direttore dell’area geografica Africa, Medio Oriente e Cina (2000-2001), Direttore dell’area geografica Italia, Africa e Medio Oriente (2002-2005), Vice Direttore Generale di Eni – Divisione Exploration & Production (2005-2008) e Chief Operating Officer fino al 2014, l’anno in cui il CDA lo nomina Amministratore Delegato. Nel corso della sua carriera gli sono stati attribuiti alcuni importanti riconoscimenti. Tra questi nel 2012 il Charles F. Rand Memorial Gold Medal, assegnato dalla Society of Petroleum Engineers (SPE) e dall’American Institute of Mining Engineers (AIME): Claudio Descalzi è il primo europeo ad aver ricevuto tale premio nel settore dell’Oil & Gas. L’anno successivo la rivista “Staffetta Quotidiana” lo ha eletto Uomo dell’anno. Nel 2016 l’università “Tor Vergata” gli ha conferito la Laurea Honoris Causa in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio: tra le motivazioni si legge “per aver promosso e sostenuto l’applicazione di criteri di sostenibilità ambientale, sociale ed economica nell’individuazione e utilizzo di risorse energetiche, gestione di attività produttive, recupero di aree industriali, in un’ottica di salvaguardia della salute umana e del territorio”.

Inserito in Aziende | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.