Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Economia e finanza » Blog article: Come Scegliere Qual È La Destinazione Del 5 Per Mille

Come Scegliere Qual È La Destinazione Del 5 Per Mille

3 Maggio 2019 da GianlucaYu

Il 5 per mille è un quota dell’imposta Irpef di ogni cittadino contribuente deve dare allo stato per il finanziamento del terzo settore. A differenza di altre tipologie di finanziamenti rivolte sociale, la quota Irpef riesce a garantire un supporto nel senso che i fondi, secondo il principio della sussidiarietà orizzontale vengono donati ad enti e associazioni che si occupano di questo settore e quindi riescono a supportare progetti nell’ambito dei servizi sociali. La scelta della destinazione del 5 per mille è molto importante proprio perché si finanzia un progetto piuttosto che un altro e quindi si dà una mano in un determinato ambito. Se ad esempio volete finanziare la ricerca scientifica, piuttosto che un ente universitario di ricerca, allora dovete fare la scelta più opportuna così da poter effettivamente migliorare la qualità dei progetti che vengono destinati nell’ambito da voi prescelto. Una volta deciso quale deve essere la destinazione della quota del 5 per mille, non mi resta altro che procedere contestualmente al dichiarazione dei redditi presso il vostro commercialista.

Come Scegliere La Destinazione Del 5 Per Mille

E’ possibile uscire a destinazione del 5 per mille facendo attenzione soprattutto a trovare quell’ente, associazione no profit o simili, che vi aiuteranno nella gestione della vostra idea di supporto per il terzo settore. L’ente, onlus o l’associazione no-profit, vi garantiranno tutta una serie di servizi possibili proprio con i fondi della quota Irpef. La scelta deve essere fatta partendo da quello che è l’elenco dei beneficiari che è possibile trovare direttamente sul sito dell’Agenzia delle entrate. Una volta che sei nato beneficiario per beneficiario, secondo quelle che sono le vostre convinzioni personali esigenze, non resta altro che procedere in tal senso così da ottenere il supporto che si vuole. La quota Irpef garantirà sostegno a questa organizzazione o ente no profit secondo quello che è il principio della sussidiarietà orizzontale.

La Destinazione 5 Per Mille, Ecco Come È Nato Questo Possibilità

La destinazione del 5 per mille è una procedura nata direttamente grazie alla finanziaria del 2006 in cui lo Stato aveva deciso di non scegliere più da solo quale dovevano essere i finanziamenti del terzo settore, quanto piuttosto ha messo in campo la novità del principio di sussidiarietà. Secondo questo principio è il cittadino contribuente nell’ambito della dichiarazione dei redditi a decidere a chi donare il proprio 5 per mille. La scelta viene fatta una serie di beneficiari. Tra i beneficiari tra cui è possibile dare la destinazione del 5 per mille vi sono enti di volontariato, onlus, istituto di ricerca, università, istituti di ricerca scientifica e non solo. Bisogna fare una distinzione fra il 5 per mille e 8 per mille. Mentre il 5 per mille è destinato a tutti gli enti che operano nel settore socialmente rilevanti, invece 8 per mille è destinato all’associazione di tipo religioso. In entrambe però si tratta di un supporto a enti che sono parastatali o comunque esterni allo stato e si occupano di servizi di tipo sociale.

La Destinazione The 5 Per Mille, L’importanza Di Una Scelta

La destinazione del 5 per mille non deve essere mai presa sottogamba perché a seconda di quello che sarà la vostra scelta alla fine avrete l’opportunità di poter aiutare un progetto di natura sociale piuttosto che un altro. Per questo è il consiglio, è sempre quello di visionare anche prima di recarsi dal proprio commercialista per la dichiarazione dei redditi, visionare l’elenco dei beneficiari che si trova direttamente sul sito dell’Agenzia delle entrate e poi prendere una decisione tenendo anche il presente quali sono i progetti in campo dall’ente da voi scelto. In linea generale, quando si parla di associazioni no profit, è anche possibile trovare direttamente su internet tutti quelli che sono i progetti in campo e quindi valutarli prima di fare una scelta.

Inserito in Economia e finanza | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.