Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Varie » Blog article: Germania: bloccato con pistola taser muore malato psichiatrico. Polizia sotto accusa

Germania: bloccato con pistola taser muore malato psichiatrico. Polizia sotto accusa

16 Maggio 2019 da dagata

Germania: bloccato con pistola taser muore malato psichiatrico. Polizia sotto accusa

Si moltiplicano le notizie in Europa e nel mondo di un utilizzo della forza sproporzionato con l’uso di pistole elettriche da parte della polizia in special modo contro persone vulnerabili. Un uomo di 49 anni è morto a Francoforte sul Meno, in Germania, dopo aver ricevuto una scarica di taser, utilizzata dalla polizia per sedare l’uomo con gravi problemi psichici. L’uomo era in stato diabetico e gravemente sovrappeso e soffriva di una malattia mentale. La polizia era stata chiamata il 30 aprile dai paramedici di un’ambulanza che si erano recati nell’appartamento dell’uomo, a Francoforte sul Meno, per sedarlo dopo che era andato in escandescenze. Alla vista dei poliziotti l’uomo si era scagliato contro. A causa della reazione gli agenti, utilizzavano la pistola taser. Un colpo da 50mila volts. Dopo lo shock elettrico, l’uomo ha smesso di respirare, si è accasciato a terra e per questo portato all’ospedale universitario. Lì è morto, dopo alcuni giorni. Il pubblico ministero di Francoforte sul Meno ha avviato un’indagine nei confronti di due poliziotti sospettati di lesioni personali che cagionavano la morte dell’uomo. Ora l’opinione pubblica chiede a gran voce uno stop all’uso dell’arma che dovrebbe solo stordire, non uccidere. Soprattutto negli Usa e in Canada la pistola elettrica è al centro di numerosi morti sospette.Negli Stati Uniti la Reuters ha documentato 1.042 casi di persone colpite a morte con un taser dalla polizia, in gran parte avvenuti dopo l’inizio degli anni duemila. Molte vittime appartengono a gruppi di persone vulnerabili. Un quarto delle vittime soffriva di crisi psicotiche o disturbi neurologici. In nove casi su dieci la vittima era disarmata. Il produttore americano, la Taser International, sostiene che la sua arma «non letale» abbia finora salvato più di 87.000 vite. Intanto la relativa impunità per l’uso eccessivo della forza da parte delle forze di polizia, osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” nei confronti di persone vulnerabili, ha fatto crescere l’indignazione pubblica e la frustrazione, riaprendo uno dei dibattiti più spigolosi nei confronti delle forze dell’ordine, accusate di un utilizzo della forza sproporzionato. Secondo voi, è giusto che un malato psichiatrico debba essere colpito in maniera atroce dal taser di un poliziotto che eroga una potenza di ben 50.000 volt?.

Inserito in Varie | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.