Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Varie » Blog article: Salone della proprietà industriale: un’occasione per imparare a difendere l’innovazione e la creatività del made in Italy

Salone della proprietà industriale: un’occasione per imparare a difendere l’innovazione e la creatività del made in Italy

9 Luglio 2013 da federica.scalvini

Un’opportunità imperdibile per le imprese per trovare tutte le risposte ai problemi legati alla costruzione e alla protezione efficace di marchi, brevetti e design in ottica nazionale e internazionale: con queste premesse torna lunedì 30 settembre a Parma la seconda edizione del Salone della Proprietà Industriale, organizzato da Senaf, dopo i buoni risultati raggiunti lo scorso anno e la costante richiesta di informazioni sulla tematica da parte delle aziende: dai problemi della valorizzazione e protezione del patrimonio aziendale oggi nessuna impresa va esente, ed anzi spesso sono proprio quelle dei settori trainanti della nostra economia ad essere le più minacciate dalla contraffazione.

L’esigenza di proteggersi nasce infatti dal valore sempre più decisivo che marchi e modelli rappresentano per le imprese che vogliano competere con successo sul mercato, interno e internazionale: a darne la misura basta ricordare che solo a livello di registrazioni nazionali (cui devono aggiungersi quelle internazionali e comunitarie) marchi, modelli e brevetti contano nel 2012, secondo i dati dell’UIBM – l’Ufficio italiano brevetti e marchi che fa capo al Ministero dello Sviluppo Economico – 67.005 domande depositate. Tra queste, le domande di brevetto depositate per la categoria “invenzione” sono state complessivamente 9.217, quelle per i marchi 53.694, 1.351 di disegni e modelli e 2.743 quelle dei modelli di utilità. Per quanto riguarda l’aspetto della concessione, l’Ufficio ha approvato nel 2012 ben 5.599 brevetti per invenzione e 49.106 sul fronte marchi; 1.699 sono quelli dati per disegni e 2.197 quelli per i modelli di utilità.

Il Salone, organizzato presso il Palacassa di Fiere di Parma, prevederà un’intera giornata dedicata all’incontro tra aziende e professionisti in grado di offrire una consulenza specifica in materia di marchi e brevetti, a cui si affiancano momenti di formazione e aggiornamento su tematiche ‘calde’ per le imprese come la scelta degli strumenti per affrontare e, prima ancora, prevenire la contraffazione, la richiesta di finanziamenti e le opportunità per sviluppare la propria attività. Tra gli eventi in programma si segnala il primo IP Summit & Forum italiano, con la possibilità di ascoltare e interrogare direttamente i più grandi esperti sui temi di maggior interesse e attualità per le imprese.

Il Salone della proprietà industriale darà perciò alle imprese la possibilità di incontrare professionisti ed Istituzioni per confrontarsi sulle soluzioni per costruire, utilizzare, valorizzare e tutelare al meglio la loro “proprietà industriale”: un vero e proprio patrimonio spesso ignorato da parte delle imprese italiane, che spesso non sono consapevoli di poterne ricavare utili e protezione e che per questo purtroppo viene spesso sottovalutato.

Il Salone risponde dunque in modo pratico e concreto a un’esigenza di informazione e aggiornamento quanto mai attuale per tutte le imprese, che si trovano ad interrogarsi sulle modalità più efficaci per proteggere il proprio avviamento, soprattutto all’estero, e sulla difficoltà di trovare un finanziamento per l’attuazione industriale delle proprie idee innovative e per internazionalizzare la propria attività: una difficoltà questa che proprio marchi, disegni e modelli e brevetti possono contribuire a superare, dato che, come si avrà modo di spiegare durante il Salone, esistono oggi fondi ministeriali a sostegno della proprietà industriale a livello nazionale e internazionale, e che modelli, invenzioni e marchi possono essere dati in pegno e quindi essere fonte di credito. Due strumenti che, paradossalmente, le imprese utilizzano pochissimo, spesso perché non sanno neppure che esistono, tanto che in molti casi le richieste presentate non arrivano a coprire tutti i fondi disponibili, che quindi non vengono interamente distribuiti.

Un altro mito che il Salone intende sfatare è quello dell’inutilità di difendere i propri marchi e i propri brevetti: al contrario, la protezione giudiziaria di questi diritti, affidata ad apposite Sezioni Specializzate concentrate in un numero ristretto di Tribunali per aumentarne l’efficienza, è rapida ed efficace, consentendo di ottenere il blocco delle merci contraffattorie in poche settimane o pochi mesi e oggi anche di risarcimenti importanti. Anche di questo parleranno durante il Salone gli Esperti e le imprese che hanno saputo difendersi con successo e che condivideranno con gli intervenuti le proprie esperienze positive.

La Presidenza del Comitato Scientifico è stata affidata ad uno dei principali esperti internazionali in tema di proprietà Industriale, l’Avv. Prof. Cesare Galli, che presiederà i lavori e che, nel presentare il progetto, ha sottolineato che ”Oggi più che mai a fare la differenza in termini di competitività sul mercato sono il patrimonio delle idee di cui un’impresa è proprietaria e la sua capacità di proteggerlo, impedendo che venga saccheggiato da chi sfrutta parassitariamente i frutti del lavoro altrui. Gli strumenti per difendersi si chiamano, brevetti, modelli, marchi, segreti industriali, denominazioni di origine: e funzionano, purché li si utilizzi con determinazione e professionalità, evitando il fai da te e facendosi assistere da veri esperti, perché alla base della competitività sta sempre la conoscenza”

Inserito in Varie | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.