Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Varie » Blog article: Sicurezza stradale. Aston Martin richiama anche le vetture costruite a fine 2013 per problemi al pedale dell’acceleratore

Sicurezza stradale. Aston Martin richiama anche le vetture costruite a fine 2013 per problemi al pedale dell’acceleratore

11 Febbraio 2014 da dagata

Sicurezza stradale. Aston Martin richiama anche le vetture costruite a fine 2013 per problemi al pedale dell’acceleratore

La Aston Martin ha attivato la procedura di richiamo in officina per decine di centinaia di veicoli al fine di includere 765 vetture costruite tra il 3 ottobre e il 31 dicembre 2013. Un difetto al  pedale dell’acceleratore sarebbe la causa.

Lo si legge in una nota del gruppo che precisa che la nuova Vanquish Coupé e la Volante non sono interessate dall’iniziativa. Il costo totale di quest’ultima è stimato in 1,5 milioni di sterline, somma che è già stata segnalata agli investitori lo scorso novembre nella terza trimestrale e accantonata nel bilancio 2013. Il richiamo rappresenta un’azione cautelare, sottolinea la casa automobilistica, indicando che fino a oggi ha ricevuto solo 22 segnalazioni di parti difettose su un totale di 17.590 vetture richiamate negli ultimi sette anni e nessuna segnalazione di incidenti. La campagna  prevede un intervento sull’automobile di circa un’ora da parte della rete dei concessionari.

Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato.

È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari della Aston Martin nel caso in cui la propria autovettura corrisponda ai modelli in questione.

Al singolo proprietario, infatti, non costa nulla tale tipo di verifica e nel caso in cui la propria autovettura sia oggetto del richiamo, l’intervento previsto è a totale carico della casa automobilistica che dovrebbe fornire anche un’autovettura sostitutiva per il periodo necessario alla manutenzione straordinaria.

Inserito in Varie | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.