Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Varie » Blog article: L’ultima mania animali tra gli animali domestici negli Stati Uniti: “pungenti” coccole con la propria istrice

L’ultima mania animali tra gli animali domestici negli Stati Uniti: “pungenti” coccole con la propria istrice

14 Giugno 2014 da dagata

L’ultima mania animali tra gli animali domestici negli Stati Uniti: “pungenti” coccole con la propria istrice

Tenere cani e gatti, in casa è proibito in molti condomini. Questo sarà uno dei motivi per i quali in America, ultima delle stranezze, sta esplodendo il fenomeno di tenere in casa, udite udite, un istrice.

Un allevatore, d’istrici ha detto che non c’è mai stata una tale richiesta, quando all’inizio dell’attività c’erano solo cinque persone sulla sua lista di attesa, oggi, ce ne sarebbero 500.

Ma attenzione: le istrici hanno denti affilati. E possono trasmettere infezioni e batteri, come la salmonella. Soprattutto per i bambini o gli anziani con un sistema immunitario malconcio possono diventare un problema.

È bene ricordare, sottolinea Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” che istrici e ricci sono esseri selvatici assolutamente inadatti come animali da compagnia e molti di questi muoiono dopo poco tempo a causa delle conseguenze della malnutrizione perché non sono abituati a cibarsi di prodotti come quelli per i gatti.

Un’altra causa di morte si verifica per la scelta di alcuni allevatori senza scrupoli di accoppiamenti tra consanguinei che per alcuni ricci africani, che sarebbero tenuti come animali domestici, causerebbero una sorta di sclerosi multipla, già denominata come “Sindrome Hedgehog Wobbly”. Il risultato è una paralisi progressiva e dopo 6 a 15 mesi di morte agonizzante.

Per tali ragioni, ci auguriamo che in Europa ed in Italia questa stupida moda non si diffonda perché assolutamente crudele strappare dai propri areali animali che invece dovrebbero vivere liberi nella natura.

Inserito in Varie | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.