Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Varie » Blog article: Cozze dalla Spagna contaminate con un batterio pericoloso, il Ministero della Salute lancia l’allarme in Italia. Richiamo per rischio microbiologico

Cozze dalla Spagna contaminate con un batterio pericoloso, il Ministero della Salute lancia l’allarme in Italia. Richiamo per rischio microbiologico

31 Marzo 2018 da dagata

Cozze dalla Spagna contaminate con un batterio pericoloso, il Ministero della Salute lancia l’allarme in Italia. Richiamo per rischio microbiologico

Per le cozze vive è stata appena diramata in tutta Italia un’allerta massima dal Ministero della Salute perchè potrebbero contenere il pericoloso batterio Escherichia Coli “oltre i limiti di legge”. L’allarme che riguarda l’intero territorio nazionale, da nord a sud, è stato lanciato pochi giorni fa dal RASFF, il sistema di allerta europeo rapido per la sicurezza alimentare e rilanciato dallo “Sportello dei Diritti” . Il rischio si estende a macchia d’olio e sembrerebbe riguardare gran parte delle cozze vive vendute sul mercato italiano. Il Rasff, ha già inviato un documento sugli alimenti a rischio per il ritiro dei prodotti potenzialmente pericolosi per la salute pubblica. E lo sono davvero se contengono questo batterio molto insidioso presente in acque inquinate da feci che può essere una bomba per l’apparato digerente e provocare nausea, forti crampi addominali, diarrea, vomito. L’allerta in questione è del 21 marzo riguarda il lotto 18 B0602 con marchio L’Acquachiara srl con sede dello stabilimento di stazionamento a Chioggia via Orti Ovest n 1 e riguarda le confezioni in retina da 5 kg,. I molluschi sono prodotti in Spagna da Tapinidos. L’allerta riguarda non solo la Grande distribuzione ma pescherie e mercati. Quello che è certo è che il ritiro (presumibilmente) è stato già avviato in tutta Italia, misura a tutela della salute dei consumatori. L’invito da parte del Sistema di allerta invita tutti a prestare la massima attenzione e a non consumare questo tipo di bivalvi senza prima sottoporli al controllo dal Servizio igiene degli alimenti e nutrizione della Asl locale. Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ricorda che il consumo dei molluschi Bivalvi è considerato uno dei principali responsabili di trasmissione all’uomo di diverse malattie d’origine batterica e virale nonché intossicazioni da enterobatteri. Pertanto, invita chiunque avesse acquistato questo prodotto a consumarlo ben cotto evitando il consumo di prodotti crudi.

Inserito in Varie | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.