Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Economia e finanza » Blog article: Come Decidere Di Destinare Il 5 Per Mille Per La Ricerca Sanitaria In Modo Rapido E Pratico

Come Decidere Di Destinare Il 5 Per Mille Per La Ricerca Sanitaria In Modo Rapido E Pratico

6 Marzo 2019 da GianlucaYu

Donare il 5 per mille, significa avere la possibilità di scegliere in maniera diretta Qual è il contributo per il terzo settore da dare direttamente agli enti non profit o associazioni di categoria che possono portare avanti dei progetti socialmente rilevanti. Sono sempre di più le persone che fanno particolarmente attenzione a questo tipo di contributo cercando effettivamente enti, onlus, associazioni di volontariato di promozione sociale o anche enti e istituti di ricerca qui effettivamente andare a donare una quota del proprio gettito fiscale per quanto riguarda le imposte sulla persona fisica. La ricerca sanitaria in particolare sul 5 per mille ha fatto una vera e propria ricchezza che permette di poter avere un sostegno che lo stato invece diversamente, non sarebbe in grado di dare. È per questo che sono tante anche le pubblicità che vengono fatte a ridosso della data di scadenza per la dichiarazione dei redditi per sostenere questo importante ambito.

La Ricerca Sanitaria E Il 5 Per Mille

Anche quest’anno è prevista la possibilità per i contribuenti di destinare una quota del 5 per mille della propria imposta IRPEF per sostenere la ricerca scientifica. Si tratta di una decisione molto importante, con finalità di interesse sociali questo perché permette di sostenere in maniera diretta da un punto di vista economico quegli enti che si occupano della ricerca specifica relativamente ad alcune malattie rare o che comunque rappresentano una piaga sociale rilevante. Molto spesso, i bilanci dello Stato non sono particolarmente attenti, né tanto meno favorevoli a sovvenzionare la ricerca scientifica. Cercare perciò di premiare con gli enti privati e senza finalità di lucro che invece si impegnano in questo senso, significa dare una possibilità a determinati studi che invece non hanno ricevuto dei finanziamenti statali. Del resto, la ricerca sanitaria ottenuto tantissimo sostegno nel corso degli ultimi anni grazie al 5 per 1000. L’accoppiata della ricerca sanitaria al 5 per mille sembra destinata ad essere l’unico modo per garantire la sopravvivenza di determinati istituti privati senza scopo di lucro che vogliono incentivare la ricerca su malattie rare e che rappresentano un disagio per migliaia e migliaia di persone in Italia e non solo. Prima di scegliere a quale ente fare questo tipo di donazione, è bene essere molto informati e andare perciò ad indagare quali sono i progetti che si stanno portando avanti. Sul sito dell’agenzia delle entrate si troveranno tutte le gli elenchi di quelli che sono gli enti beneficiari di questo contributo ed in più, si potrà anche fare un trio di ricerca per capire bene quali sono i progetti in cantiere. È bene sottolineare infatti che le associazioni, Enti, ONLUS, istituti di ricerca che possono ottenere il 5 per mille devono anche andare a rendicontare quali sono le attività che sono state effettuate grazie a questo tipo di contributo.

La Ricerca Sanitaria Del 5 Per Mille, Ecco Come Scegliere

Quando arriva la ricerca sanitaria del 5 per mille, gli enti che sono beneficiari iniziando a fare un po’ di promozione sociale per cercare di spingere gli utenti al finanziare i propri progetti. Nell’ambito della ricerca sanitaria 5 per mille è molto diffuso perché sono tantissime le associazioni o istituti di ricerca che hanno bisogno di questo tipo di contributo per portare avanti una serie di attività. E’ con questo scopo che sono tantissime le realtà che vogliono accaparrarsi i vostri contributi sul gettito fiscale. La scelta però deve essere fatta secondo le proprie convinzioni andando a cercare bene quali possono essere gli ambiti di competenza dell’ente di avete trovato. Una volta scelto l’ente, prendete il codice fiscale e contestualmente a quella che è la dichiarazione dei redditi, indicate a vostro commercialista chi avete scelto.

Inserito in Economia e finanza | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.