Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Economia e finanza » Blog article: Risparmio, gli italiani confermano la loro prudenza. Solo il 22% preferisce investire

Risparmio, gli italiani confermano la loro prudenza. Solo il 22% preferisce investire

31 Marzo 2019 da helly

Siamo un popolo  che ama il risparmio. Ancora una volta i dati confermano una caratteristica tipica degli italiani, che preferiscono accumulare capitale per fronteggiare eventuali imprevisti futuri, anziché investirlo allo scopo di lucrarci sopra.

I dati sulla propensione al risparmio

risparmioSecondo l’indagine internazionale “Global Investor Pulse” di BlackRock, il 78% degli italiani preferisce mettere da parte un po’ dei propri guadagni. Questa tendenza peraltro diventa ancora più forte quando si affrontano enti di burrasca, ovvero quando il clima di incertezza internazionale aumenta. Come accade proprio in questi periodi. L’indagine di BlackRock (condotta su oltre 27 mila investitori in 13 Paesi al mondo) ha evidenziato che in Italia la propensione al risparmio è molto più marcata che altrove. Da noi infatti viene superata la media del 69% registrata a livello globale, ma anche quella del 76% registrata a livello europeo.

Relativamente all’ultimo anno, l’indagine ha messo in luce che il 75% degli intervistati italiani ha tenuto i propri risparmi in depositi bancari, buoni postali e strumenti di breve termine (quelli che presentano un indicatore ATR Average True Range praticamente nullo, come i Bot). Sotto questo punto di vista si è ridotto il divario rispetto alla tendenza globale (74%) mentre è aumentato quello rispetto alla media in Europa (66%).

La percezione della sicurezza finanziaria

E’ assai interessante evidenziare un altro aspetto che è stato messo in luce da questa ricerca internazionale. Gli italiani sono quelli che si sentono “meno in salute” dal punto di vista finanziario. Quella che percepiscono ifaftti è la più bassa al mondo. Solo il 28% si ritiene “sereno” dal punto di vista finanziario. Una percentuale bassissima, se confrontata con il 39% dei tedeschi e il 40% degli inglesi (malgrado Brexit). Inoltre il 43% degli intervistati ritiene che la figura del consulente finanziario è una vera guida in grado di indirizzare gli investitori e da cui imparare, quello che fornisce segnali operativi trading da seguire.

Un altro aspetto importante riguarda la motivazione di questa (forse) esagerata propensione al risparmio. Il 43% degli italiani ha cominciato a mettere da parte i soldi per la pensione. Cosa ancora più preoccupante è che cominciano a farlo pure i Millennial.

Inserito in Economia e finanza | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.