Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Varie » Blog article: Paraguay, container dell’orrore: i corpi di sette clandestini trovati dopo un viaggio di tre mesi.

Paraguay, container dell’orrore: i corpi di sette clandestini trovati dopo un viaggio di tre mesi.

2 Novembre 2020 da dagata

Paraguay, container dell’orrore: i corpi di sette clandestini trovati dopo un viaggio di tre mesi. Venerdì sono stati trovati sette corpi in uno stato di decomposizione avanzata tra una spedizione di fertilizzanti spedita dalla Serbia al Paraguay tre mesi fa. Da chiarire le cause della tragedia: potrebbero essere morti di stenti. Lo riferiscono le autorità paraguaiane.

Il container ha lasciato la Serbia il 21 luglio ed è arrivato attraverso l’Argentina all’inizio di questa settimana in un porto interno nella capitale del Paraguay Asunción, ha detto il procuratore Marcelo Saldivar. I corpi sono stati scoperti quando i dipendenti dell’azienda che ha ordinato il fertilizzante hanno aperto il contenitore. Secondo Saldivar, si ritiene che le vittime siano clandestini. Sono sette adulti. Due di loro portavano documenti d’identità in cui si dichiarava che erano marocchini. Inoltre, è stata trovata anche una ricevuta di una compagnia di taxi serba, che suggerisce che si fossero nascosti nel container in Serbia. “Sospettiamo che siano arrivati lì dal loro paese di origine e abbiano programmato di viaggiare verso una destinazione più vicina, ma hanno calcolato male la distanza e non sono sopravvissuti al viaggio”, ha detto Saldivar. “Le provviste che avevano – biscotti, acqua in bottiglia e cibo in lattina – erano sufficienti per 72 ore”. La polizia ha anche trovato sacchi di vestiti e una presa d’aria nella parte del container dove sono stati trovati i corpi. “Tutti sono morti. Sono solo capelli e ossa “, ha aggiunto. Verrà studiato il percorso del carico, ha confermato Saldivar, insieme ai cellulari ritrovati con i corpi. Le autorità del Marocco e della Serbia verranno informate per scoprire l’identità delle vittime. Altri migranti di origine nordafricana evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, hanno perso la vita negli ultimi anni cercando di superare i confini provando in questo modo. Tuttavia saranno i medici legali a determinare le cause della morte, ma l’ipotesi più probabile è quella della morte di stenti.

Inserito in Varie | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.