Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Varie » Blog article: Sicurezza alimentare: Rasff, allerta in Italia per zinco in aceto dalla Cina.

Sicurezza alimentare: Rasff, allerta in Italia per zinco in aceto dalla Cina.

27 Agosto 2014 da dagata

Sicurezza alimentare: Rasff, allerta in Italia per zinco in aceto dalla Cina.

 

L’Italia ha attivato, oggi 13 agosto 2014, il Sistema rapido di allerta europeo (Rasff n° 2014.BIE) avvisando le autorità sanitarie dei diversi Paesi europei circa la presenza di livelli molto alti di zinco presente in aceto prodotto in Cina e commercializzato in Italia.

Lo zinco è un metallo importante per l’organismo: partecipa alla digestione dei carboidrati e al metabolismo del fosforo, riduce le infezioni e diminuisce l’assorbimento dei metalli tossici, favorendo quello delle vitamine. L’organismo umano contiene circa 2 grammi di zinco, per un fabbisogno giornaliero di circa 4 milligrammi nel bambino, 20 nell’adulto e 25-30 nelle donne in gravidanza. Mentre una carenza di zinco provoca disturbi gravi in ogni organismo vivente, disturbi relativamente meno gravi li causa un suo eccesso. Un mineralogramma dei capelli è utile per determinare la quantità di zinco presente nel corpo, così come anche l’esame del sangue e delle urine. Lo zinco è relativamente poco tossico, malgrado ciò l’assunzione prolungata di alti dosaggi causa effetti collaterali. Tra i sintomi di eccesso di zinco si sono registrati: diarrea, nausea, vertigini, perdita della coordinazione muscolare, sonnolenza, disturbi gastrointestinali, apatia, insufficienza renale e anemia. In alcuni casi, la somministrazione prolungata di dosi alte dosi di zinco ha causato la riduzione del livello di colesterolo HDL, quello buono. Massicce assunzioni di zinco possono causare una carenza di rame, che provoca invece un aumento del colesterolo LDL, quello cattivo, portando a ipercolesterolemia.

Se i meccanismi di regolazione dell’assorbimento dello zinco funzionano nella norma, difficilmente si ha un rischio di apporto eccessivo di zinco, elemento che, comunque, è dotato di scarsa tossicità. Se tuttavia si assumono elevati dosaggi di integratori a base di zinco, è importante integrare anche con la vitamina A, il cui assorbimento può essere ostacolato dallo zinco stesso. I casi di assunzione eccessiva di zinco possono esser causati dalla contaminazione di cibi e bevande da parte dei contenitori usati per la conservazione. Tali contenitori possono infatti rilasciare zinco una volta lasciati aperti, soprattutto se gli alimenti che sono contenuti sono fortemente acidi. Anche l’uso di creme solari rischierebbe di provocare eccesso di zinco nel sangue: le nano-particelle di zinco penetrano nel sangue attraverso i pori della pelle e possono creare uno squilibrio di questo metallo. Non è la prima volta, ricorda Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che viene segnalata la presenza di questo metallo in eccesso in prodotti che sono utilizzati come alimento e quindi dannosi per la salute. Ecco, perchè è necessario mantenere sempre alta l’attenzione ed il sistema di allerta europeo, in questo senso, ci aiuta a segnalare tempestivamente i pericoli per i consumatori. Resta però alle autorità nazionali ed europee attivarsi immediatamente per prevenire e per bloccare sul mercato i prodotti a rischio come nel caso di specie e solo accurati controlli ed analisi concederne la reimmissione in commercio.

Inserito in Varie | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.