Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Economia e finanza » Blog article: Consigli utili per individuare banconote falsificate

Consigli utili per individuare banconote falsificate

27 Novembre 2017 da Merellir

In questo breve articolo parleremo di come riconoscere le banconote false.
Nonostante oggi esistano diversi apparecchi per verificare se le banconote sono autentiche è possibile verificarlo anche con delle semplici mosse.

Banconota autentica o contraffatta?

Le banconote in circolazione nel nostro Paese e in tutti quelli che aderiscono all’Unione Europea, con l’adesione alla moneta Euro, sono caratterizzati da diversi elementi di sicurezza che attestano la loro validità.
Per riconoscere la loro veridicità è consigliabile seguire quattro semplici regole base: toccare, guardare, muovere, controllare.
Prima di tutto dobbiamo osservarne la grandezza, il colore, e come si dimostrano al tatto, perché nelle banconote troviamo diversi punti in rilievo, e, molto importante il suono che questa riproduce stoppiciandola, questo perché è costituita da vere fibre di cotone. Dobbiamo poi controllare se è presente la filigrana, una linea che divide la banconota che si nota solamente se la banconota è messa controluce. Sono presenti inoltre i cosiddetti oleogrammi, cioè l’immagine che è caratteristica di ogni banconota che con la sua oscillazione cambia contenuto.

Le nuove banconote

Con la nascita delle nuove banconote i segni distintivi sono aumentati ancora di più, questo per evitare l’aumento di contraffazione. Prendiamo in esame la banconota da 50 euro. Oltre alla filigrana, notiamo una finestrella nella parte alta da cui è possibile vederci all’interno. Poi notiamo come in tutte le banconote il numero indicato abbia un colore verdastro ma con la sua oscillazione cambia fino ad arrivare ad un blu elettrico. Nel retro di ogni banconota inoltre è presente un codice formato da numeri e lettere, facendo la somma di questi, sapendo che ad ogni lettera corrisponde un numero si ottiene in tutte le banconote il medesimo risultato. Inoltre troviamo una stampa che indica l’appartenenza delle banconote, cioè dove sono state stampate. L’ultima cosa importante è la firma di Mario Draghi. Queste inoltre contengono delle caratteristiche per cui sono riconoscibili anche dalle persone non vedenti, come per esempio la grandezza e poi sulla parte sinistra troviamo delle linee in rilievo e da questo capiamo il valore della banconota stessa.

Dubbi sulla propria banconota?

Se non si è sicuri della veridicità della banconota, ci si deve recare alla Banca d’Italia o in una sua filiale e mostrare la banconota. Questa verrà esaminata e se si pensa che sia contraffatta verrà ritirata e portata ad analizzare in un altra sede ma vi verrà rilasciato una ricevuta che attesta il rilascio della banconota, dopo accurate osservazioni si capirà se la banconota è contraffatta, questa non verrà restituita e neanche il suo valore, mentre se è autentica verrà restituita al proprietario. Bisogna fare molta attenzione perché l’utilizzo di banconote contraffatte è un reato sanzionabile penalmente.

Inserito in Economia e finanza | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.