Cerca:
comunicati-stampa.biz
 Login | RSS |

Comunicati stampa

Ogni giorno tutte le informazioni aggiornate dal Web. Richiedi gratuitamente la pubblicazione del tuo comunicato.
Ti trovi su: Home » Weblog » Aziende, Economia e finanza » Blog article: Pompeo Pontone, tra finanza “classica” e innovazioni tecnologiche

Pompeo Pontone, tra finanza “classica” e innovazioni tecnologiche

20 Marzo 2020 da ppofficenews

Con una vasta competenza in Capital Markets e Derivatives Trading, Pompeo Pontone è un Investment Specialist con un master in Quantitative Finance: negli ultimi anni ha esteso le sue competenze in ambito informatico, combinando approcci innovativi alle metodologie finanziarie.

Pompeo Pontone e i progetti FinTech e Data Science: il futuro della finanza

Quello della finanza è un settore spesso poco conosciuto, ma comunque non immune alle rivoluzioni causate dagli strumenti dell’era digitale. Pompeo Pontone, oltre che un esperto di matematica finanziaria, è anche un appassionato di informatica, con competenze assodate in programmazione, tecnologia e cyber security. Per questo motivo, negli ultimi anni di attività si è impegnato anche in progetti riguardanti le applicazioni di Data Science a progetti FinTech. In parole semplici, Data Science è lo studio dei dati. Consiste nello sviluppo di metodologie quantitative per la registrazione, conservazione e analisi di dati al fine di estrapolare in modo efficiente informazioni indispensabili ai fini dell’ottimizzazione dei protocolli o dei processi utilizzati. Uno dei principali obiettivi della Data Science è quello di acquisire “conoscenza” da qualsiasi tipo di dati, sia strutturati sia destrutturati. Negli ultimi anni il mondo della finanza ha integrato sempre più questa nuova disciplina insieme all’approccio FinTech al fine di estrarre preziose informazioni dai dati finanziari, costruire modelli per l’analisi del rischio, per la previsione di variabili finanziarie alla base della programmazione del business e per l’efficace implementazione e distribuzione dei servizi finanziari. Le potenzialità sono tuttavia ancora enormi. Gli esperti come Pompeo Pontone, impegnati nell’integrazione di questi nuovi sistemi, svolgeranno un ruolo fondamentale per gestire la digital revolution che, secondo il parere degli addetti ai lavori, nei prossimi anni dispiegherà tutti i suoi effetti.

Il percorso professionale di Pompeo Pontone

Inizia a Londra, presso Stone & McCarthy Research Associates, la carriera nel mondo della finanza di Pompeo Pontone: l’incarico è quello di Analista di Ricerca. Dopo la laurea presso la Facoltà di Economia dell’Università Bocconi di Milano, infatti, consegue un Master in Quantitative Finance al Birkbeck College, University of London.. Nel 1995 è in Italia, presso il Credito Italiano (oggi Unicredit), come Fixed Income Analyst: l’anno successivo è di nuovo oltremanica, stavolta in Irlanda, dove ricopre l’incarico di Vice President e Senior Fund Manager per la Pioneer Investments. Dal 1999 al 2002 ritorna a Milano: prima come Director – Co-Head of Credit Portfolios & Asset Management per Intesa Asset Management (oggi Eurizon – Intesa San Paolo), poi come Managing Director – Head of Corporate Bonds & Credit Derivatives Asset Management del Gruppo Fineco. Nel 2002 Pompeo Pontone è ancora a Londra, dove opera in qualità di Managing Director – Head of Corporate Bonds & Credit Derivatives Proprietary Trading per BMPS. Sempre nella capitale inglese gli ultimi due incarichi: Managing Director – Head of Alternative Investments and Asset Management per ALTIAM – Amstel Securities LLP, infine Senior Financial Advisor per la Method Investments & Advisory Ltd.

Inserito in Aziende, Economia e finanza | Nessun Commento »

Lascia un commento

Nota bene: I commenti saranno soggetti a moderazione.